Contenuto principale



AUTORI STRANIERI

The power

byrne rhondaQuando parli dei tuoi problemi economici, di relazione, di salute, o persino degli utili in ribasso della tua impresa, non stai parlando di quello che ami. Quando parli di un tragico fatto di cronaca, oppure di una persona o di una situazione che ti ha irritato o deluso, non stai parlando di quello che ami.

Lamentarti della giornataccia che hai affrontato, di un ritardo a un appuntamento, di un ingorgo in cui sei rimasto intrappolato, dell’autobus che hai perso, significa parlare di ciò che non ami. Ogni giorno accadono molte piccole cose: ognuna di esse renderà più difficoltosa la tua vita se ti fai trascinare in discorsi che riguardano ciò che non ami. Tieni a mente le buone notizie della tua giornata.

Parla dell’appuntamento andato a buon fine. Del piacere di essere puntuale, di come sia bello godere di buona salute. Parla dei guadagni che vuoi realizzare, delle situazioni e degli incontri proficui di oggi. Devi parlare di ciò che ami se vuoi attrarre ciò che ami.

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Un nuovo mondo

Eckhart tolleDue anatre, dopo uno scontro, si separano e se ne vanno in direzioni opposte. Poi ognuna delle due sbatte vigorosamente le ali un paio di volte e così rilascia il sovrappiù di energia che si era creato durante lo scontro.

Dopo che hanno sbattuto le ali, riprendono a nuotare pacificamente come se niente fosse successo. Se l’anatra avesse una mente umana, manterrebbe vivo lo scontro pensando e costruendoci sopra una storia.

Questa sarebbe probabilmente la storia dell’anatra: “Non riesco a credere a quello che ha appena fatto. È entrato nel mio territorio per più di dieci centimetri. Pensa che questo stagno sia suo. Non ha considerazione per il mio spazio privato. Non mi fiderò più di lui. La prossima volta troverà qualcos'altro solo per darmi fastidio. Sono sicuro che sta già complottando qualcosa. Ma non lo sopporterò,gli darò una lezione che non dimenticherà”.

E avanti di questo passo, la mente racconta le sue storie, ancora lì a pensarci e a parlarne per giorni, mesi o anni dopo. Per quello che riguarda il corpo, la lotta sta ancora continuando e l’energia a sua volta genera ancora più pensiero. Questo diventa il pensiero emozionale dell’ego.

Ecco come diverrebbe problematica la vita dell’anatra se avesse una mente umana. Ma questo è il modo nel quale la maggior parte degli umani vive tutto il tempo.

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I quattro accordi

MIGUEL RUIZImpara a chiedere spiegazioni.

È sempre meglio chiedere spiegazioni che fare supposizioni. Abbi il coraggio di fare domande finché la situazione ti sarà perfettamente chiara.

Se hai le risposte alle tue domande non hai bisogno di fare supposizioni, perché saprai la verità. 

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il potere dell’intuizione

Shakti GawainMentre imparano a seguire l’intuizione, certe persone attraversano un periodo in cui sembra che la loro vita vada in frantumi. Certi rapporti possono finire o cambiare drammaticamente, e potete trasferirvi, cambiare lavoro, perdere interesse nei passatempi familiari. Sono indizi del fatto che state abbandonando certi aspetti della vostra vecchia identità.

Leggi tutto...

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La montagna incantata

thomas mannEra lieto della conquista che gli spalancava un mondo inaccessibile e annullava quasi gli ostacoli; esso lo fasciava con la desiderata solitudine, la più profonda che potesse immaginare, una solitudine che gli toccava il cuore con le sensazioni di un'enorme e critica lontananza dagli uomini.

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I cani e i lupi

Irene NemirovskySono andata avanti per anni senza vederti, quasi senza conoscerti, e tu eri mio esattamente come adesso. Io, che sono abituata ad aspettarmi il peggio, non ho paura di perderti.

Puoi dimenticarmi, abbandonarmi, lasciarmi, sarai sempre e solo mio. Ti ho inventato io, amore mio. Sei molto più che il mio amante. Sei una mia creatura.

E’ per questo che mi appartieni, quasi tuo malgrado

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn