Contenuto principale



P - T

Un nuovo mondo

Eckhart tolleDue anatre, dopo uno scontro, si separano e se ne vanno in direzioni opposte. Poi ognuna delle due sbatte vigorosamente le ali un paio di volte e così rilascia il sovrappiù di energia che si era creato durante lo scontro.

Dopo che hanno sbattuto le ali, riprendono a nuotare pacificamente come se niente fosse successo. Se l’anatra avesse una mente umana, manterrebbe vivo lo scontro pensando e costruendoci sopra una storia.

Questa sarebbe probabilmente la storia dell’anatra: “Non riesco a credere a quello che ha appena fatto. È entrato nel mio territorio per più di dieci centimetri. Pensa che questo stagno sia suo. Non ha considerazione per il mio spazio privato. Non mi fiderò più di lui. La prossima volta troverà qualcos'altro solo per darmi fastidio. Sono sicuro che sta già complottando qualcosa. Ma non lo sopporterò,gli darò una lezione che non dimenticherà”.

E avanti di questo passo, la mente racconta le sue storie, ancora lì a pensarci e a parlarne per giorni, mesi o anni dopo. Per quello che riguarda il corpo, la lotta sta ancora continuando e l’energia a sua volta genera ancora più pensiero. Questo diventa il pensiero emozionale dell’ego.

Ecco come diverrebbe problematica la vita dell’anatra se avesse una mente umana. Ma questo è il modo nel quale la maggior parte degli umani vive tutto il tempo.

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I quattro accordi

MIGUEL RUIZImpara a chiedere spiegazioni.

È sempre meglio chiedere spiegazioni che fare supposizioni. Abbi il coraggio di fare domande finché la situazione ti sarà perfettamente chiara.

Se hai le risposte alle tue domande non hai bisogno di fare supposizioni, perché saprai la verità. 

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Dottor Živago

BORIS PASTERNAKD’un colpo, ogni cosa è cambiata, il tono, l’aria, non si sa che pensare, chi ascoltare.

Quasi che per tutta la vita ti avessero condotto per mano come una bambina e, a un tratto, ti avessero lasciato: impara a camminare da sola.

Leggi tutto...

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Anna Karenina

lev tolstojMa in lei c’era qualcosa che la metteva al di sopra del suo ambiente: in lei c’era lo splendore di un brillante autentico in mezzo a brillanti falsi. Questo splendore le veniva dagli occhi bellissimi e veramente misteriosi.

Lo sguardo stanco e nello stesso tempo appassionato di quegli occhi colpiva per la sua assoluta schiettezza. Guardandola negli occhi pareva di leggere nella sua anima, e conoscerla significava amarla.

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Lucernario

autori jose saramagoQuando sarai cresciuto vorrai essere felice. Per il momento non ci pensi ed è proprio questo il motivo per cui lo sei. Quando ci penserai, quando vorrai essere felice, smetterai di esserlo.

Per sempre...forse per sempre!...hai sentito? Per sempre. Quanto più forte sarà il tuo desiderio di felicità, tanto più sarai infelice. La felicità non è qualcosa che si conquista.

Leggi tutto...

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Lucernario /2

autori jose saramagoSi era talmente abituato a quella stanchezza che addirittura vi trovava piacere, il piacere di chi ha abdicato, il piacere di chi, vedendo avvicinarsi l'ora decisiva, regola l'orologio indietro e dichiara: "Ancora è presto". Il piacere del sacrificio.

Leggi tutto...

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn