Contenuto principale



L'eleganza del riccio /2

16. Allora
Allora, pioggia d'estate.
17. Un nuovo cuore

Me la ricordo questa pioggia d'estate. Giorno dopo giorno percorriamo la nostra vita come si percorre un corridoio.
Pensare al polmone per il gatto...ha visto il mio monopattino è la terza volta che me lo rubano... piove così forte che sembra buio... facciamo appena in tempo il film è all'una... vuoi toglierti il giaccone... tazza di tè amaro... silenzio pomeridiano... forse stiamo male per colpa del troppo... tutti quei bonzi da annaffiare... queste ingegnue che fanno tanto le spudorate... guarda nevica... quei fiori com'è che si chiamano... povera cocchina faceva la pipì dappertutto... cielo d'autunno com'è triste... le giornate finiscono così presto adesso... [...]

E poi, pioggia d'estate...

Sapete che cos'è una pioggia d'estate?
All'inizio la bellezza pura che irrompe nel cielo, quel timore rispettoso che si impadronisce del cuore, sentirsi così irrisori al centro stesso del sublime, così fragili e così ricolmi della maestà delle cose, sbalorditi, ghermiti, rapiti dalla magnificenza del mondo.
Dopo, percorrere un corridoio e d'improvviso penetrare in una stanza piena di luce. Un'altra dimensione, certezze appena nate. Il corpo non è più un involucro, la mente abita le nuvole, sua è la potenza dell'acqua, si annunciano giorni felici, in una nuova nascita.
Poi, come le lacrime, che sono talvolta tonde, abbondanti e compassionevoli, si lasciano dietro una lunga spiaggia lavata dalla discordia, così la pioggia estiva, spazzando via la polvere immobile, è per l'anima degli esseri come un respiro infinito.

Quindi certe piogge d'estate si radicano in noi come un nuovo cuore che batte all'unisono con l'altro.


Ti è piaciuto il brano che hai letto? Allore regala o regalati il libro:

Submit to DeliciousSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn